Author

Anche Il Senato Approva Il Ddl Concorrenza: Ora È Legge

L`Unione Sarda

Con 146 sì e 113 no, il disegno di legge sulla concorrenza passa al Senato. Uno scarto di soli 33 voti, che però è sufficiente a far diventare il provvedimento legge dopo un rimbalzo di due anni e diversi ostacoli politici. Ecco quali sono le novità, rispetto a quanto annunciato finora, previste dal decreto. #Senato approva definitivamente la legge sulla concorrenza. Impegno mantenuto per Governo e maggioranza – Paolo Gentiloni (@PaoloGentiloni) 2 agosto 2017 Il tweet di Gentiloni ALBERGHI E SITI – Una delle principali modifiche riguarda il nodo denominato “Booking”, ossia il rapporto tra albergatori e offerte online. Con il ddl i gestori di strutture ricettive potranno applicare prezzi migliori rispetto a quelli offerti online: un modo per tutelare la categoria. “I primi a beneficiare di questa importante novità saranno i consumatori – commenta in una nota la Federalberghi, soddisfatta – Non tutti lo sanno ma quando un portale promette il miglior prezzo, in realtà sta dicendo che ha proibito al sito internet dell’ hotel di offrire al cliente un prezzo più conveniente”. ENERGIA – Entro il primo luglio 2019 ci sarà la fine del mercato tutelato di energia e gas, una decisione che è già stata criticata dal Codacons. “Determinerà aggravi di costi per le famiglie – ha detto il presidente dell’ associazione Carlo Rienzi – poiché è stato dimostrato come negli ultimi anni il passaggio al mercato libero abbia prodotto in moltissimi casi sensibili rincari tariffari per gli utenti. Dopo due anni e mezzo di attese e continui rinvii, ci si aspettava una legge decisamente migliore”. TETTO ALLE FARMACIE – Una parte del ddl riguarda le farmacie, che potranno essere controllate dalle società di capitali ma sotto un tetto del 20 per cento su base regionale. “Non capiamo la logica di un ddl che dovrebbe …

Dal campo di Piccione

Il Fontanelle di mister Mischianti fa il colpaccio a Piccione!

Buona la gara di entrambe le squadre giocata però con mentalità differenti: più grintosa quella degli ospiti, più tranquilla quella dei padroni di casa vista la classifica. Nevica ed è Aprile e forse è proprio per il freddo che in avvio di gara i ventidue non si fermano un secondo: poche le occasioni pericolose ma i centrocampisti si danno battaglia per offrire alle punte i palloni giusti.

E’ Urbani che dopo venti minuti sblocca la situazione: Sebastiani crossa dalla sinistra e il numero nove biancoazzurro stoppa di petto in tranquillità battendo il portiere perugino sulla sinistra. Neanche il tempo di festeggiare che il Piccione reagisce ottimamente e si guadagna una punizione sulla trequarti destra: il tiro di Cesarini non è irresistibile ma la parabola a girare coglie di sorpresa Petruzzi e finisce dentro per il pareggio momentaneo. Da una cavalcata di Radicchi F. nasce un altra buona occasione per gli eugubini: Sebastiani raccoglie l’assist ma al momento del tiro il pallone viene respinto in extremis dal suo diretto marcatore; il pallone, smorzato, finisce nelle braccia del portiere. La fine del tempo è condita da qualche tiro da fuori: Martelli R. però non inquadra la porta e si va al riposo in pareggio.

Il secondo tempo non è molto diverso dal primo: si lotta molto a centrocampo ma le difese sono attente e respingono ogni attacco. Bravo e fortunato Urbani che dopo una ribattuta, vince un rimpallo e batte per la seconda volta il portiere perugino e fissa il risultato sull’uno a due.

Le Fontanelle continuano ad attaccare un Piccione un po’ svogliato e Radicchi F. imperversa sulla fascia sinistra non trovando però il tocco finale dei compagni. Sebastiani servito da Martelli R. si libera del suo marcatore e penetra in …

Corridoio Tirrenico Meridionale

Capogruppo Verdi Regione Lazio

Il progetto avrà una copertura finanziaria del 40% da parte della legge obiettivo e del 60% da investimenti privati. Verrà costruito e gestito (leggi manutenzione e pedaggio) dall’ARCEA SpA per 50 anni. Il costo complessivo è di 3.097,93 miliardi di euro per un costo a Km. di 15,835 milioni di euro.

UNA STRUTTURA PESANTE, GIUSTAPPOSTA ALLE NUMEROSE STRUTTURE GIA’ ESISTENTI PER LE DIVERSE MODALITA’ DI TRASPORTO CHE, OLTRE ALL’IMPATTO NEGATIVO SUL TERRITORIO E SULL’AMBIENTE, PROVOCHERA’ UN ULTERIORE SPOSTAMENTO VERSO LA GOMMA DEL TRASPORTO DI PERSONE E DI MERCI.

Anche guardando le carte (in scala 50.000 e 100.000) inviate dalla Regione, alcuni giorni fa, ai Comuni interessati dal tracciato del corridoio tirrenico (io le ho visionate al Comune di Terracina), che non consentono di capirne alcuni aspetti di dettaglio, si evince la caratteristica negativa principale, dal punto di vista della funzionalità, della proposta progettuale, oltre a quella relativa all’impatto sul territorio: non vi è affrontato il problema della integrazione del trasporto su gomma con le altre modalità di trasporto, al fine di configurare un sistema di infrastrutture per le comunicazioni dal quale conseguirebbe un migliore assetto del territorio, un impatto ambientale meno negativo, una sinergia più consistente fra le diverse attività economiche nelle diverse e diversificate aree territoriali.

Peraltro, le città (ad esempio, Latina e Pontinia) vengono lambite dalla nuova strada ed imprigionate fra detta strada e la Pontina facendone presagire l’asfissia per inquinamento e per costrizione fisica. Nel caso della città di Terracina, la nuova strada irromperebbe nel territorio comunale senza tener conto della struttura di grande viabilità esistente (la Galleria Monte Giove e l’insieme degli svincoli e dei collegamenti con l’Appia e con la Flacca, lo svincolo tra l’Appia e la Consolare II, in attesa del collegamento di quest’ultima con la Pontina) e delle progettazioni …

Walter Valentini

Walter Valentini, was born at Pergola (Pesaro) in 1928, and got his education between Rome and Milan – his teachers are three protagonists of the movement of abstract rationalism: Luigi Veronesi, Max Huber e Albe Steiner – and Urbino, where he attended the “Scuola del Libro” of the “Istituto di Belle Arti” and specialized in litographi with Carlo Ceci. In Urbino Valentini began to feel attracted by engraving.

About that aspect we’d like to recall his graphic shows: Venice, 1955 (“I Biennale dell’incisione italiana contemporanea”); Ibiza, 1982 (“Biennale Internazionale dell’incisione” where he won the firstu award); Cracovia, 1984 (“Biennale Internazionale dell’incisione”, awarded the Grand Prix); Lubiana, 1984-1989 (“Biennale internazionale di Grafica”).

Some of his national and international one-man shows: 1990 – BOLOGNA, Arte Fiera ’90, Galleria Peira, Bra e Centro Steccata, Parma; – MILANO, I cieli di Greenwich di Walter Valentini, Galleria Spaziotemporaneo; – KLAGENFURT (Austria), Galerie Schnitzer; – ALASSIO, Walter Valentini, Galleria Galliata; – SAN POLO D’ENZA, I bianchi, i neri, Galleria La Scaletta; – NEW YORK (U.S.A), La misura, il tempo, Panicali Fine Art; – SIEGBURG (Germania), Installazione e opere recenti, Stadtmuseum. 1991 – BOLOGNA, WalterValentini, presentazione dell’edizione “Dante Anarca” Arte Fiera; – Galleria della Pergola, Pesaro; – AMBURGO (Germania), Walter Valentini “Sinnliche Abstraktionen”; – Bilder-Colagen-Installationen, Galerie Meissner; – MILANO, Internazionale d’Arte Contemporanea, Fiera di Milano, Spaziotemporaneo; – BOLZANO, Walter Valentini “Dante Anarca”, Galleria Spatia; – LUSSEMBURGO, Walter Valentini, Galerie de Luxembourg; – VERONA, Walter Valentini. Un progetto, Galleria Cinquetti; – ASPEN (Colorado – U.S.A), Lo spazio, il tempo; installazione; – IDCA, Aspen Institute for Humanistic Studies; – BASILEA (Svizzera), Edition ’91 Basel, Grafica Internazionale,Torino; – ASIAGO, Walter Valentini, Galleria d’Arte Nino Sindoni; – PESARO, Walter Valentini Opere scelte, Galleria della Pergola.

1992 – BOLOGNA, Arte Fiera ’92, Galleria Cinquetti, Verona; GraficaInternazionale, Torino; – Proposte d’Arte Colophon, Belluno; …

Open.co, liquidità divorata da debiti e impegni futuri

Economia e Lavoro

Dei quasi 21 milioni di euro incassati da Cormo con la vendita a Coop Nordest delle quote del fondo immobiliare Namira 7, solo poco più di 1 milione è stato utilizzato per rilanciare l’azienda. Tutto il resto è stato assorbito o dal rimborso dei debiti o dall’accantonamento di somme per far fronte ad impegni finanziari futuri.

Il punto di partenza è noto. Prima della fusione con Coop Legno, Cormo aveva conferito il proprio patrimonio immobiliare al fondo Namira 7, ricevendo in cambio 444 quote del fondo. Nel 2014 poi l’azienda di S. Martino in Rio, bisognosa di liquidità, ha venduto il 90% delle quote Namira a Coop Nordest per 20,5 milioni di euro. Che fine hanno fatto i soldi ricavati dalla vendita della sede? TG Reggio ha potuto definire il quadro grazie ad una minuziosa ricostruzione fornita dal vicepresidente di Open.co Erio Cavazzoni.

Circa 13,7 milioni sono stati utilizzati per il pagamento di debiti pregressi. Nel dettaglio, dopo la fusione con Coop Legno, la nuova Open.co ha dovuto azzerare l’indebitamento bancario, pari a 4,7 milioni di euro, per ottenere l’apertura di nuove linee di credito. Altri 6,3 milioni se ne sono andati per il rimborso di un prestito del Ccfs, 2,2 milioni per il pagamento degli arretrati dell’affitto della sede e 500mila euro per fatture scadute di fornitori.

A quel punto restavano 6,8 milioni, ma era quasi tutti già impegnati. Un milione e 600mila euro fu depositato in un fondo a garanzia del pagamento degli affitti del 2015, 3 milioni furono accantonati per pagamenti di fornitori e istituti previdenziali in scadenza tra la fine del 2014 e i primi mesi del 2015 e un altro milione deve essere restitutito al Ccfs entro la fine di quest’anno. Perfino quel 10% delle quote di Namira 7 che non è …

Fermato in tempo

giovedì 14 ottobre 2004, ore 19.02

Fermato in tempo

Si erano conosciuti tanti anni fa in Moldavia, poi, arrivati in Italia, si erano persi di vista. Lui, 46 anni, clandestino, e con l’obbligo di non entrare nei paesi della comunità europea, era andato a Roma. Lei, 41 anni, madre di una bambina che oggi ha dieci anni, aveva trovato un regolare lavoro come colf, a Rubiera. Negli ultimi mesi però quell’uomo così violento era riuscito a rintracciare la connazionale.

Trasferitosi anche lui a Rubiera, da un paio di mesi, con cadenza quotidiana, minacciava di morte mamma e figlia, pretendendo soldi. Le chiamava in continuazione, un giorno voleva 50 euro, un altro 200. La donna ha sopportato la situazione, con angoscia e paura, fino a quando ha capito che anche la piccola poteva essere in pericolo, e dopo l’ennesima intimidazione, si è rivolta, coraggiosamente, ai carabinieri di Rubiera. In manette è finito Ivan Bolesco.

Il blitz è scattato ieri pomeriggio. Bolesco ha atteso la donna sotto casa, dopo averle intimato con una telefonata di uscire e di portare del denaro. La donna però aveva avvisato dell’appuntamento i carabinieri che si erano appostati nei pressi dell’ abitazione. Quando la donna è uscita insieme alla figlia, l’uomo si è avvicinato minacciandola con un punteruolo.

Poi le ha strappato la borsetta da dove ha preso alcune banconote. Ma a quel punto sono intervenuti i militari che hanno condotto il malvivente in caserma. Questi ha cercato prima di convincerli di essere il marito della donna e il padre della bambina poi ha dato in escandescenze opponendo resistenza e tentando di compiere atti di autolesionismo.

Addosso gli sono stati trovati un filo di nylon lungo circa un metro e un coltello da cucina nascosto all’interno di una scarpa. Forse l’uomo è stato fermato giusto in tempo …

Meno sovvenzioni, più innovazioni

Home > Focus> Meno sovvenzioni, più innovazioni

23:12 – domenica 20 gennaio 2008

Angels in America

Vuoi ricevere quotidianamente gli ultimi articoli nella tua casella di posta? Registrati e attiva il servizio

Meno sovvenzioni, più innovazioni

All’articolo del New York Times sull’Italia come Paese fermo e rassegnato si può dare credito in pieno o solo in parte: una sola reazione sarebbe a mio avviso sbagliata, ossia ignorarlo, ritenerlo una pura montatura giornalistica e non almeno un segnale di come ci vedono gli altri, se non di come siamo davvero. L’unica risposta seria è tenere gli occhi aperti, interrogarsi a fondo per cercare di distinguere le impressioni epidermiche dai sintomi realmente allarmanti. Credo comunque che un atteggiamento positivo non possa prescindere dalla seria valutazione che ciascuno di noi deve fare dello stato di vitalità che si esprime nel suo specifico settore.

Devo dunque premettere che nel campo del teatro, per fortuna, le cose in questo momento non stanno andando così male: se non badiamo troppo all’aleatorietà dei finanziamenti, se lasciamo da parte la lungimiranza e la prontezza d’intervento delle istituzioni, non possiamo non constatare che la tensione creativa è oggi alquanto forte e capillare, e che da qualche anno a questa parte è in corso un vero e non occasionale processo di avvicendamento generazionale. Ogni anno scopriamo qualche nuovo gruppo, qualche nuovo attore o regista. E non si tratta di meteore: la maggior parte di loro resta, e incide sulla situazione generale.

Il teatro nel suo insieme, insomma, è in una condizione molto meno involutiva di quanto non lo sia il cinema (ma questo in fin dei conti avviene da anni, solo che gli americani non lo sanno). E forse, per certi aspetti, almeno dal punto di vista della freschezza delle idee, della passione, della partecipazione che suscita, è addirittura in …

Montefeltrotour Forum

Moderatori

I moderatori controllano i loro forum. Possono editare, cancellare o modificare qualunque messaggio nei loro forum. Se hai una domanda riguardante un forum in particolare devi rivolgerti al moderatore di quel forum.

Cookies

Questo forum usa i cookies avere le seguenti informazioni: la data della tua ultima visita, il tuo username e la tua password criptata. Questi cookies sono posizionati sul tuo hard-disk. I cookies non sono utilizzati per tracciare i tuoi movimenti o per qualunque altra funzione se non il funzionamento del forum. Se i cookies non sono abilitati nel tuo browser molte di queste funzioni potrebbero non funzionare correttamente. Inoltre, devi avere i cookies attivati se vuoi entrare in un forum privato e se vuoi inserire nuove discussioni o risposte.

Puoi cancellare tutti i cookies settati da questo forum selezionando il pulsante “logout” in cima ad ogni pagina.

Discussioni attive

Le discussioni attive sono tracciate dai cookies. Quando clicchi il link “active topics” , viene generata una pagina con la lista di tutte le discussioni che sono state inserite dopo la tua ultima visita sul forum (o approssimativamente negli ultimi 20 minuti).

Editare i tuoi messaggi

Puoi editare o cancellare i tuoi messaggi in qualunque momento. Devi solo andare alla discussione dove si trova il messaggio da editare o cancellare e vedrai l’icona per editare o cancellare (

) sulla riga che inizia per “inserito il…” Clicca sull’icona per editare o cancellare il messaggio. Nessun altro può farlo ad eccezione degli amministratori e moderatori.Viene creata una nota alla fine di ogni messaggio che indica quando e da chi è stato modificato.

Allegare files

Per ragioni di sicurezza non si possono allegare files ai messaggi. Tuttavia puoi copiare e incollare del testo all’interno dei tuoi messaggi.

Ricercare messaggi specifici

Puoi effettuare la ricerca di messaggi basandoti su una …

Tuttosport: il quotidiano sportivo con sede a Torino

SoundDock® Portatile con kit da viaggio

Portabilità eccezionale: ascolta la tua musica ovunque desideri

La docking station girevole a scomparsa facilita il trasporto e l’inserimento nella borsa da viaggio Bose®

Il comodo caricatore per auto ti consente di riprodurre i tuoi brani preferiti per ore.

La batteria ricaricabile agli ioni di litio garantisce una durata massima di otto ore per ricarica

Le tecnologie proprietarie di Bose offrono un suono incredibilmente ampio per un sistema così piccolo

Il design sottile dispone di una pratica maniglia integrata

Il sistema dispone della certificazione “Made for iPod and iPhone” ed è compatibile con la maggior parte dei modelli di iPod e con tutti i modelli di iPhone.

Immagina di ascoltare le playlist archiviate sul tuo iPhone o iPod a tutto volume con i tuoi amici sulla spiaggia, nel parco, in giardino o dove preferisci. Da oggi, grazie al SoundDock® Portatile con kit da viaggio, tutto questo è possibile. Il sistema SoundDock® Portatile riproduce i tuoi brani preferiti con una chiarezza, un’ampiezza e una ricchezza di dettagli inaspettate per un sistema portatile. Le prestazioni e la durata di riproduzione offerte da questo sistema sono impareggiabili. L’elegante custodia con maniglia incorporata ti consente di avere sempre con te l’audio di qualità Bose e se dopo otto ore hai ancora voglia di musica, ti basta ricaricare il sistema utilizzando il comodo caricatore per auto.

Audio pieno e ricco

Il sistema SoundDock® Portatile è progettato per consentire al tuo iPhone/iPod di riprodurre musica a tutto volume in tanti luoghi diversi, senza comprometterne la qualità. La tecnologia per diffusori a guida d’onda Bose® e i potenti diffusori al neodimio offrono un audio straordinario da un sistema dal design estremamente elegante.

Progettato per la massima portabilità

Il sistema è stato ideato pensando all’ascolto in movimento. Ad esempio, la docking station …

La Regione spende 24 mila euro per un documentario sull’Albania veneta

Il sistema LIFESTYLE® 38 DVD della Bose è stato progettato per ascoltare e imparare le sue preferenze in fatto di intrattenimento e adattarvisi, offrendole al contempo la qualità del suono BOSE®. Il nostro sistema di calibrazione audio ADAPTiQ® analizza e regola il suo sistema LIFESTYLE® in modo che tenga conto della particolare acustica della stanza in cui è collocato. L’innovativo sistema uMusic™ è in grado di memorizzare e organizzare fino a 200 ore di musica; grazie alla tecnologia BOSE® Link, inoltre, potrà ascoltare i suoi brani preferiti in 14 ambienti aggiuntivi in tutta la casa. L’elegante Media Center integra un lettore DVD e un sintonizzatore AM/FM. I gruppi di diffusori a cubetto DIRECT/REFLECTING® trovano facilmente collocazione in ogni stanza.

Tecnologie rivoluzionarie che semplificano l’ascolto

Il sistema LIFESTYLE® 38 DVD porta avanti una tradizione di prestazioni, eleganza e semplicità grazie a nuove tecnologie esclusive che fanno dell’ascolto un’esperienza facile ed emozionante. Il sistema di calibrazione audio ADAPTiQ® valuta l’acustica della stanza e il posizionamento dei diffusori e regola quindi automaticamente il suono in base all’ambiente, garantendole prestazioni conformi alla qualità BOSE®.

Parliamo adesso della collezione di CD che ha accumulato nel corso degli anni. Perché sprecare spazio prezioso quando può avere migliaia di canzoni a portata di mano? Il sistema LIFESTYLE® 38 DVD è dotato del sistema di riproduzione intelligente uMusic™, che consente di memorizzare in forma digitale fino a 200 ore di musica. Via via che lei ascolta i suoi CD preferiti, il sistema uMusic™ “impara” le sue preferenze, in modo da poter selezionare e riprodurre automaticamente le sue canzoni predilette. Niente menu, né elenchi di brani o computer.

Tutta questa tecnologia è racchiusa in un elegante Media Center, che integra un lettore DVD e un sintonizzatore AM/FM.

Si goda il suono BOSE® in tutta la casa

Tutti i sistemi …

Yahoo! Italia Vince Il Ricorso Contro L’ordinanza

leggi

home » news ed eventi » news » La segnalazione di violazioni al provider internet va sempre sostenuta da elementi concreti

La segnalazione di violazioni al provider internet va sempre sostenuta da elementi concreti

ITALIA – GIURISPRUDENZA

Il Tribunale di Roma ha riformato il provvedimento con il quale alcuni mesi fa aveva ritenuto Yahoo! Italia responsabile di concorso in violazione di diritto d’autore.

La Sezione Specializzata in materia di Proprietà Intellettuale ed Industriale del Tribunale di Roma, con decisione dell’11 luglio 2011, ha riformato parzialmente l’ordinanza del 20 marzo 2011 nella parte in cui il Giudice Designato per il procedimento cautelare aveva ritenuto la Yahoo! Italia responsabile di concorso in violazione del diritto d’autore dell’allora ricorrente sul film “About Elly”, ordinando alla stessa di disattivare genericamente i link a tutti i siti che contenevano immagini del film in questione all’infuori del sito ufficiale.

La misura oggetto di revoca era stata richiesta nell’autunno 2010 dalla P.F.A. Films S.r.l., titolare per l’Italia dei diritti di sfruttamento economico del film iraniano “About Elly. La P.F.A. Films aveva agito in via cautelare dinanzi al Tribunale di Roma contro, fra gli altri, il provider internet Yahoo! Italia S.r.l., sostenendo che quest’ultima, nonostante la diffida ricevuta dalla P.F.A. Films, non aveva rimosso i propri collegamenti ad alcuni siti internet contenenti materiale asseritamente lesivo dei diritti d’autore relativi al film.

A suo tempo avevamo già osservato (vedi notizia sull’argomento) che la misura sembrava fondata su una presunzione non corretta, e cioè che un avviso generico possa causare per il caching provider la perdita del beneficio delle limitazioni di responsabilità.

Tale valutazione è stata confermata dal Collegio, che nella sua decisione ha ritenuto erronea l’interpretazione data dal giudice della prima fase del procedimento cautelare delle norme sulla limitazione di responsabilità del provider che agisce da intermediario previste …

BORGIA, NE’ SANTI NE’ DEMONI

Tiziano, Botticelli, Filippino Lippi, Benozzo Gozzoli, i Della Robbia

. Esposte anche armature, codici preziosi, oggetti d’arte e di scienza che illustrano quanto quei principi passati alla storia per le loro nefandezze influirono sullo sviluppo dell’arte e della cultura nell’Italia tra il ‘400 e il ‘500.

Raccontare i Borgia significa non soltanto far rivivere le passioni, i drammi, le imprese di una delle famiglie più note e più discusse del Rinascimento, ma anche rappresentare l’

incredibile intreccio delle loro vite

e delle loro azioni: un mondo unico per la straordinarietà e la grandiosità irripetibile dei personaggi che lo hanno attraversato e degli avvenimenti che lo hanno caratterizzato.

Nuove scoperte si ispirò proprio al papa Borgia per le

drammatiche allegorie sul papato

sono alcune delle novità emerse durante la preparazione della rassegna “I Borgia”. Il ritratto è di proprietà di una famiglia milanese alla quale pervenne come eredità di un’ava andalusa, Teresa de Sylva, alla fine del ‘700. L’attribuzione del ritratto alla mano di Tiziano è del famoso storico dell’arte Wilhelm Suide, che lo esaminò nel 1933. Secondo Suide,

l’opera dovrebbe risalire al 1540

e il committente potrebbe essere stato il vescovo Jacopo Pesaro, certamente non

Lucrezia Borgia

, per la quale il grande pittore aveva lavorato a Ferrara, in quanto, all’epoca del ritratto, la duchessa d’Este era già morta da almeno vent’anni. I lunghi studi preparatori per la realizzazione della mostra di Palazzo Ruspoli hanno portato nuove conoscenze anche in merito all’opera di Bosch. Ne “Il carro da fieno”, ora esposto al Prado e con la cui riproduzione sono allestite le prime sale della rassegna, Bosch ritrae il pontefice che precede una schiera di dannati: non una semplice allegoria del Papato, ma il ritratto di

Alessandro VI a capo dell’umanità che va a depredare il mondo

. INIZIO PAGINA…

LA RETTIFICA DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ DI PERSONE

Sono nulli gli accertamenti, contenenti ognuno la rettifica del reddito di partecipazione degli associati, se in essi l’amministrazione si limita ad operare un semplice rinvio all’accertamento unitario notificato allo studio professionale, senza mettere ciascuno degli associati nelle condizioni di conoscere le ragioni da cui deriva la pretesa fiscale

. Gli accertamenti notificati ad ogni singolo associato, quindi non possono limitarsi ad operare un semplice rinvio all’accertamento unitario notificato allo studio professionale. Nel commentare tale fattispecie, la giurisprudenza ha già avuto occasione di pronunziarsi più volte, segnalando che ogni accertamento, anche se riguardanti redditi di partecipazione, deve essere motivato con l’indicazione specifica di tutti gli elementi già contenuti nell’avviso notificato alla società o all’associazione (cfr. C.T.C. – Sez. IX – Dec. del 05.05.1992 N. 3245). Da un’attenta analisi della citata sentenza, si applesa una finalità di carattere garantistico e difensivo, in quanto ciascuno dei soci o degli associati, non devono rimanere all’oscuro dell’accertamento notificato alla società o associazione partecipata, e devono essere posti in grado di agire giudizialmente senza alcuna limitazione nel proprio diritto di difesa.

In conclusione, si può agevolmente affermare che la Giurisprudenza più autorevole è andata ben oltre il parere fornito dal Consiglio di Stato, dichiarando nullo qualsiasi rettifica di un maggior reddito accertato ai fini IRPEF, a carico di società di persone o equiparate di cui all’art. 5 DPR 917/86, non notificato ai soci, con conseguente nullità, per difetto di motivazione, dei correlati accertamenti dei redditi di partecipazione imputati ai singoli soci. Pertanto, il contribuente socio di società di persone, qualora si vedesse raggiunto unicamente da un avviso di accertamento

ai soli fini IRPEF, con semplice rinvio all’avviso di accertamento notificato alla società partecipata, potrà, in via preliminare, chiedere l’annullamento totale dell’accertamento per difetto di motivazione ed in ogni caso potrà, in sede d’impugnazione dell’avviso di accertamento …

Venezia. Muore dopo un pestaggio sotto casa: è giallo sul decesso di un 48enne

PADOVA (4 luglio) – Calci, pugni, schiaffi e offese a sfondo razziale. Due buttafuori del locale “Privilege” di via Longhin (Padova), con la complicità del titolare, il 24 gennaio hanno pestato a sangue un cittadino somalo di 31 anni. Gli hanno spaccato la faccia, tanto che lo straniero ha riportato la rottura di due denti e la frattura della scatola cranica per un totale di 45 giorni di prognosi. La violenza degli improvvisati bodyguard sarebbe esplosa, quando il trentunenne africano ha chiesto al gestore del “Privilege” di volere riscuotere la vincita frutto del gioco alle slot machine.

Una richiesta che ha mandato su tutte le furie il titolare del club D.R. di 40 anni, che ha “sguinzagliato” contro il somalo il buttafuori M.P. di 32 anni. Così M.P. ha inseguito il cittadino straniero, giunto nei pressi di un campo è riuscito a fermarlo. Sono volati schiaffi, pugni e calci. Quindi ha afferrato il somalo e lo ha scaraventato dentro un bagno chimico. Poi ha preso la bici dell’africano e l’ha infilata in un cassonetto delle immondizie e ha cercato di rompergli il cellulare. Il cittadino straniero si è rialzato, ma a dare manforte a M.P. è arrivato F.B., di 33 anni, amico del titolare, che ha rifilato al somalo alcuni calci in testa. F.B. alla fine di aprile è morto in un incidente in moto.

Il cittadino straniero, con le ultime forze è riuscito a chiamare la polizia. Sul posto sono arrivati gli agenti della sezione “Volanti” e i soccorsi del Suem 118. Nessuno ha parlato e il gestore D.R. ha dichiarato alla polizia di non aver sentito nulla. Da quel momento sono scattate le indagini della squadra mobile che, oltre a scoprire i picchiatori, ha identificato il marocchino Mbark Oudaoud, di 26 anni, che riforniva di cocaina diversi clienti …

Nella Rete…ma A Fianco Dei Navigatori Consumatori Relazione Di Carlo Rienzi, Presidente Del Codacons, In Occasione Dello Smau

mercoledì, 17 gennaio 2001

“Nella rete…ma a fianco dei navigatori consumatori” Relazione di Carlo Rienzi, Presidente del CODACONS, in occasione dello SMAU 2001

“Nella rete…ma a fianco dei navigatori consumatori”

Relazione di Carlo Rienzi, Presidente del CODACONS, in occasione dello SMAU 2001

La rete è un grande strumento di conoscenza e di partecipazione democratica che ha cambiato e ancor più cambierà la vita dei cittadini del mondo nei Paesi sviluppati e non, ma è anche una grande trappola in cui si possono perdere l’umanità, la sensibilità civile, l’autonomia di giudizio, la volontà libera e….anche il portafoglio!! Per questo Associazioni , leaders in Italia per la difesa dei cittadini, come il CODACONS, devono dedicarsi inevitabilmente nei prossimi anni alla rete e alla tutela nella rete dei cives.

Raccontando piccole esperienze concrete di problemi dei cittadini, e la storia di vita del nostro sito si capirà l’importanza dell’ingresso delle Associazioni come la nostra nell’attività di controllo delle rete e di certificazione di qualità dei siti di e-commerce.

Nel novembre 98 il Codacons è intervenuto a favore del sig TIZIO il quale aveva acquistato un biglietto aereo AIR ONE via internet con l’assicurazione prevista dal contratto ON-LINE pubblicato sul sito ufficiale della compagnia aerea che nel caso in cui il biglietto non fosse stato utilizzato le sarebbe stato detratto dal successivo acquisto con la stessa compagnia aerea detratto l’importo della penale. Ma quando il nostro associato si è rivolto all’agenzia AIR One si è sentito dire che i biglietti acquistati via internet non prevedevano alcun rimborso.

Nel mese di dicembre il Codacons ricorre al Tar contro l’Autorità della Concorrenza e del Mercato e contro Telecom S.p.A. per l’annullamento del provvedimento del 25.8.99 relativo ai messaggi diffusi dalla Telecom, tramite Topolino concernenti i KIT di abbonamento a INTERNET “Internet facile Disney” con cui è …