Fermato in tempo

giovedì 14 ottobre 2004, ore 19.02

Fermato in tempo

Si erano conosciuti tanti anni fa in Moldavia, poi, arrivati in Italia, si erano persi di vista. Lui, 46 anni, clandestino, e con l’obbligo di non entrare nei paesi della comunità europea, era andato a Roma. Lei, 41 anni, madre di una bambina che oggi ha dieci anni, aveva trovato un regolare lavoro come colf, a Rubiera. Negli ultimi mesi però quell’uomo così violento era riuscito a rintracciare la connazionale.

Trasferitosi anche lui a Rubiera, da un paio di mesi, con cadenza quotidiana, minacciava di morte mamma e figlia, pretendendo soldi. Le chiamava in continuazione, un giorno voleva 50 euro, un altro 200. La donna ha sopportato la situazione, con angoscia e paura, fino a quando ha capito che anche la piccola poteva essere in pericolo, e dopo l’ennesima intimidazione, si è rivolta, coraggiosamente, ai carabinieri di Rubiera. In manette è finito Ivan Bolesco.

Il blitz è scattato ieri pomeriggio. Bolesco ha atteso la donna sotto casa, dopo averle intimato con una telefonata di uscire e di portare del denaro. La donna però aveva avvisato dell’appuntamento i carabinieri che si erano appostati nei pressi dell’ abitazione. Quando la donna è uscita insieme alla figlia, l’uomo si è avvicinato minacciandola con un punteruolo.

Poi le ha strappato la borsetta da dove ha preso alcune banconote. Ma a quel punto sono intervenuti i militari che hanno condotto il malvivente in caserma. Questi ha cercato prima di convincerli di essere il marito della donna e il padre della bambina poi ha dato in escandescenze opponendo resistenza e tentando di compiere atti di autolesionismo.

Addosso gli sono stati trovati un filo di nylon lungo circa un metro e un coltello da cucina nascosto all’interno di una scarpa. Forse l’uomo è stato fermato giusto in tempo …

0

Meno sovvenzioni, più innovazioni

Home > Focus> Meno sovvenzioni, più innovazioni

23:12 – domenica 20 gennaio 2008

Angels in America

Vuoi ricevere quotidianamente gli ultimi articoli nella tua casella di posta? Registrati e attiva il servizio

Meno sovvenzioni, più innovazioni

All’articolo del New York Times sull’Italia come Paese fermo e rassegnato si può dare credito in pieno o solo in parte: una sola reazione sarebbe a mio avviso sbagliata, ossia ignorarlo, ritenerlo una pura montatura giornalistica e non almeno un segnale di come ci vedono gli altri, se non di come siamo davvero. L’unica risposta seria è tenere gli occhi aperti, interrogarsi a fondo per cercare di distinguere le impressioni epidermiche dai sintomi realmente allarmanti. Credo comunque che un atteggiamento positivo non possa prescindere dalla seria valutazione che ciascuno di noi deve fare dello stato di vitalità che si esprime nel suo specifico settore.

Devo dunque premettere che nel campo del teatro, per fortuna, le cose in questo momento non stanno andando così male: se non badiamo troppo all’aleatorietà dei finanziamenti, se lasciamo da parte la lungimiranza e la prontezza d’intervento delle istituzioni, non possiamo non constatare che la tensione creativa è oggi alquanto forte e capillare, e che da qualche anno a questa parte è in corso un vero e non occasionale processo di avvicendamento generazionale. Ogni anno scopriamo qualche nuovo gruppo, qualche nuovo attore o regista. E non si tratta di meteore: la maggior parte di loro resta, e incide sulla situazione generale.

Il teatro nel suo insieme, insomma, è in una condizione molto meno involutiva di quanto non lo sia il cinema (ma questo in fin dei conti avviene da anni, solo che gli americani non lo sanno). E forse, per certi aspetti, almeno dal punto di vista della freschezza delle idee, della passione, della partecipazione che suscita, è addirittura in …

0

Montefeltrotour Forum

Moderatori

I moderatori controllano i loro forum. Possono editare, cancellare o modificare qualunque messaggio nei loro forum. Se hai una domanda riguardante un forum in particolare devi rivolgerti al moderatore di quel forum.

Cookies

Questo forum usa i cookies avere le seguenti informazioni: la data della tua ultima visita, il tuo username e la tua password criptata. Questi cookies sono posizionati sul tuo hard-disk. I cookies non sono utilizzati per tracciare i tuoi movimenti o per qualunque altra funzione se non il funzionamento del forum. Se i cookies non sono abilitati nel tuo browser molte di queste funzioni potrebbero non funzionare correttamente. Inoltre, devi avere i cookies attivati se vuoi entrare in un forum privato e se vuoi inserire nuove discussioni o risposte.

Puoi cancellare tutti i cookies settati da questo forum selezionando il pulsante “logout” in cima ad ogni pagina.

Discussioni attive

Le discussioni attive sono tracciate dai cookies. Quando clicchi il link “active topics” , viene generata una pagina con la lista di tutte le discussioni che sono state inserite dopo la tua ultima visita sul forum (o approssimativamente negli ultimi 20 minuti).

Editare i tuoi messaggi

Puoi editare o cancellare i tuoi messaggi in qualunque momento. Devi solo andare alla discussione dove si trova il messaggio da editare o cancellare e vedrai l’icona per editare o cancellare (

) sulla riga che inizia per “inserito il…” Clicca sull’icona per editare o cancellare il messaggio. Nessun altro può farlo ad eccezione degli amministratori e moderatori.Viene creata una nota alla fine di ogni messaggio che indica quando e da chi è stato modificato.

Allegare files

Per ragioni di sicurezza non si possono allegare files ai messaggi. Tuttavia puoi copiare e incollare del testo all’interno dei tuoi messaggi.

Ricercare messaggi specifici

Puoi effettuare la ricerca di messaggi basandoti su una …

0