Dal campo di Piccione

Il Fontanelle di mister Mischianti fa il colpaccio a Piccione!

Buona la gara di entrambe le squadre giocata però con mentalità differenti: più grintosa quella degli ospiti, più tranquilla quella dei padroni di casa vista la classifica. Nevica ed è Aprile e forse è proprio per il freddo che in avvio di gara i ventidue non si fermano un secondo: poche le occasioni pericolose ma i centrocampisti si danno battaglia per offrire alle punte i palloni giusti.

E’ Urbani che dopo venti minuti sblocca la situazione: Sebastiani crossa dalla sinistra e il numero nove biancoazzurro stoppa di petto in tranquillità battendo il portiere perugino sulla sinistra. Neanche il tempo di festeggiare che il Piccione reagisce ottimamente e si guadagna una punizione sulla trequarti destra: il tiro di Cesarini non è irresistibile ma la parabola a girare coglie di sorpresa Petruzzi e finisce dentro per il pareggio momentaneo. Da una cavalcata di Radicchi F. nasce un altra buona occasione per gli eugubini: Sebastiani raccoglie l’assist ma al momento del tiro il pallone viene respinto in extremis dal suo diretto marcatore; il pallone, smorzato, finisce nelle braccia del portiere. La fine del tempo è condita da qualche tiro da fuori: Martelli R. però non inquadra la porta e si va al riposo in pareggio.

Il secondo tempo non è molto diverso dal primo: si lotta molto a centrocampo ma le difese sono attente e respingono ogni attacco. Bravo e fortunato Urbani che dopo una ribattuta, vince un rimpallo e batte per la seconda volta il portiere perugino e fissa il risultato sull’uno a due.

Le Fontanelle continuano ad attaccare un Piccione un po’ svogliato e Radicchi F. imperversa sulla fascia sinistra non trovando però il tocco finale dei compagni. Sebastiani servito da Martelli R. si libera del suo marcatore e penetra in …

0

Corridoio Tirrenico Meridionale

Capogruppo Verdi Regione Lazio

Il progetto avrà una copertura finanziaria del 40% da parte della legge obiettivo e del 60% da investimenti privati. Verrà costruito e gestito (leggi manutenzione e pedaggio) dall’ARCEA SpA per 50 anni. Il costo complessivo è di 3.097,93 miliardi di euro per un costo a Km. di 15,835 milioni di euro.

UNA STRUTTURA PESANTE, GIUSTAPPOSTA ALLE NUMEROSE STRUTTURE GIA’ ESISTENTI PER LE DIVERSE MODALITA’ DI TRASPORTO CHE, OLTRE ALL’IMPATTO NEGATIVO SUL TERRITORIO E SULL’AMBIENTE, PROVOCHERA’ UN ULTERIORE SPOSTAMENTO VERSO LA GOMMA DEL TRASPORTO DI PERSONE E DI MERCI.

Anche guardando le carte (in scala 50.000 e 100.000) inviate dalla Regione, alcuni giorni fa, ai Comuni interessati dal tracciato del corridoio tirrenico (io le ho visionate al Comune di Terracina), che non consentono di capirne alcuni aspetti di dettaglio, si evince la caratteristica negativa principale, dal punto di vista della funzionalità, della proposta progettuale, oltre a quella relativa all’impatto sul territorio: non vi è affrontato il problema della integrazione del trasporto su gomma con le altre modalità di trasporto, al fine di configurare un sistema di infrastrutture per le comunicazioni dal quale conseguirebbe un migliore assetto del territorio, un impatto ambientale meno negativo, una sinergia più consistente fra le diverse attività economiche nelle diverse e diversificate aree territoriali.

Peraltro, le città (ad esempio, Latina e Pontinia) vengono lambite dalla nuova strada ed imprigionate fra detta strada e la Pontina facendone presagire l’asfissia per inquinamento e per costrizione fisica. Nel caso della città di Terracina, la nuova strada irromperebbe nel territorio comunale senza tener conto della struttura di grande viabilità esistente (la Galleria Monte Giove e l’insieme degli svincoli e dei collegamenti con l’Appia e con la Flacca, lo svincolo tra l’Appia e la Consolare II, in attesa del collegamento di quest’ultima con la Pontina) e delle progettazioni …

0

Walter Valentini

Walter Valentini, was born at Pergola (Pesaro) in 1928, and got his education between Rome and Milan – his teachers are three protagonists of the movement of abstract rationalism: Luigi Veronesi, Max Huber e Albe Steiner – and Urbino, where he attended the “Scuola del Libro” of the “Istituto di Belle Arti” and specialized in litographi with Carlo Ceci. In Urbino Valentini began to feel attracted by engraving.

About that aspect we’d like to recall his graphic shows: Venice, 1955 (“I Biennale dell’incisione italiana contemporanea”); Ibiza, 1982 (“Biennale Internazionale dell’incisione” where he won the firstu award); Cracovia, 1984 (“Biennale Internazionale dell’incisione”, awarded the Grand Prix); Lubiana, 1984-1989 (“Biennale internazionale di Grafica”).

Some of his national and international one-man shows: 1990 – BOLOGNA, Arte Fiera ’90, Galleria Peira, Bra e Centro Steccata, Parma; – MILANO, I cieli di Greenwich di Walter Valentini, Galleria Spaziotemporaneo; – KLAGENFURT (Austria), Galerie Schnitzer; – ALASSIO, Walter Valentini, Galleria Galliata; – SAN POLO D’ENZA, I bianchi, i neri, Galleria La Scaletta; – NEW YORK (U.S.A), La misura, il tempo, Panicali Fine Art; – SIEGBURG (Germania), Installazione e opere recenti, Stadtmuseum. 1991 – BOLOGNA, WalterValentini, presentazione dell’edizione “Dante Anarca” Arte Fiera; – Galleria della Pergola, Pesaro; – AMBURGO (Germania), Walter Valentini “Sinnliche Abstraktionen”; – Bilder-Colagen-Installationen, Galerie Meissner; – MILANO, Internazionale d’Arte Contemporanea, Fiera di Milano, Spaziotemporaneo; – BOLZANO, Walter Valentini “Dante Anarca”, Galleria Spatia; – LUSSEMBURGO, Walter Valentini, Galerie de Luxembourg; – VERONA, Walter Valentini. Un progetto, Galleria Cinquetti; – ASPEN (Colorado – U.S.A), Lo spazio, il tempo; installazione; – IDCA, Aspen Institute for Humanistic Studies; – BASILEA (Svizzera), Edition ’91 Basel, Grafica Internazionale,Torino; – ASIAGO, Walter Valentini, Galleria d’Arte Nino Sindoni; – PESARO, Walter Valentini Opere scelte, Galleria della Pergola.

1992 – BOLOGNA, Arte Fiera ’92, Galleria Cinquetti, Verona; GraficaInternazionale, Torino; – Proposte d’Arte Colophon, Belluno; …

0