Curriculum Prof. Gallo

Email: [email protected]

Il Generale Salvatore GALLO è nato a Zinga di Casabona (KR) il 31 ottobre 1930. Ha frequentato l’Accademia della Guardia di Finanza e durante la sua carriera ha recuperato prestigiosi e delicati incarichi. Tra l’altro ha operato presso i Nuclei di Polizia Tributaria di Roma e Milano e presso il Comando Generale dove ha svolto le funzioni di Capo Ufficio Operazioni, Capo Ufficio Legislazioni, Capo Ufficio Stampa e di Direttore della “Rivista della Guardia di Finanza” e del periodico “Il Finanziere”.

Ha comandato il Gruppo provinciale di Salerno, la Legione di Bologna e il Nucleo Operativo di Polizia Valutaria. Ha fatto parte della Delegazione Italiana all’ONU a Ginevra per la revisione della Convenzione sul traffico degli stupefacenti. E’ stato membro del “Comitato di studio dei problemi relativi alla riforma tributaria” istituto nell’ambito della sua Amministrazione di appartenenza. Ha partecipato ai lavori del Convegno Internazionale di Studi Storico – Militare a Teheran.

Per oltre un ventennio ha insegnato Diritto penale e processuale tributario e materie tecnico – professionali e giuridiche presso la Scuola di Polizia Tributaria e l’Accademia della Guardia di Finanza.

Ha tenuto lezioni sull’attività di Polizia Giudiziaria presso gli Istituti di Istruzione di altre Forze di Polizia, presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e per conto del Consiglio Superiore della Magistratura e del Tributario presso la Facoltà di Economia e Commercio dell’Università degli studi di Parma ed è Giudice Tributario presso la commissione Tributaria Regionale dell’Emilia Romagna.

E’ laureato in giurisprudenza e Scienze politiche.

Ha ricevuto il premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri per scrittori italiani e quello di benemerito della finanza pubblica.

E’ autore di opere assai note ed affermate a livello nazionale quali: “La polizia giudiziaria”, “Il diritto penale e processuale tributario”, “L’accertamento dei reati tributari nel nuovo codice di procedura penale”, “Il …

0

Il Tribunale Di Primo Grado Annulla La Decisione Dell’uami Sfavorevole Al Marchio Easybank

Il Tribunale di primo grado annulla la decisione dell’UAMI sfavorevole al marchio EASYBANK

Il 5 aprile 2001 il Tribunale di primo grado ha emesso una sentenza nella causa T-87/00 riguardante il rigetto della domanda di registrazione del marchio EASYBANK per servizi bancari telematici. Il Tribunale ha stabilito che le norme del Regolamento sul marchio comunitario relative agli impedimenti assoluti alla registrazione erano state applicate in maniera errata, ed ha annullato la decisione dell’Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI).

Nella decisione annullata, l’UAMI aveva ritenuto di applicare l’Articolo 7 (1) (c) del Regolamento con la motivazione che il termine EASYBANK è composto da due vocaboli correnti della lingua inglese ed è comprensibile a prima vista, e che gli ambienti commerciali destinatari dei servizi per i quali era richiesta la registrazione hanno nozioni di inglese, sono al corrente delle possibilità offerte dai moderni mezzi di comunicazione e si interessano ai servizi bancari, in particolare a quelli di una banca telematica. Essi comprenderebbero quindi immediatamente e senza ulteriore esame il significato del marchio in questione, nel senso che i servizi offerti da una banca telematica sono facilmente e comodamente accessibili.

Il Tribunale ha ritenuto che il termine EASYBANK trasmette sì l’impressione generale che la banca telematica in questione è facilmente accessibile, ma non fa alcun riferimento alle modalità di un servizio concreto, né ad altri dettagli dello svolgimento di operazioni bancarie. EASYBANK non designa dunque né obiettivamente né concretamente la specie, la qualità, la quantità, la destinazione, il valore o altre caratteristiche dei diversi servizi bancari forniti, e non rientra quindi nell’ambito di applicazione dell’Articolo 7 (1) (c) del Regolamento.

L’UAMI aveva ritenuto di applicare anche l’Articolo 7 (1) (b), dal momento che il termine EASYBANK consiste di parole correnti ed è privo di qualsiasi elemento insolito o sorprendente. Inoltre, l’assunto che …

0

Cortina, morti due scialpinisti trevigiani: travolti da una valanga sul Cristallo

SIAMO TUTTI SAPUTELLI

Fra tanti saputelli voglio esserci anch io! Le versioni sulla morte di Miotto sono contrastanti per un semplice motivo. Il Comando italiano in Afghanistan è in contatto diretto e continuo con un Comando operativo di stanza a Roma. Il problema nasce dal fatto che, al verificarsi di un incidente, Roma pretende di avere SUBITO notizie. Se l infortunio è capitato in una zona periferica (avamposto, pattuglia o altro) è difficile accertare la dinamica dei fatti in brevissimo tempo (stiamo parlando di minuti). Facciamo un esempio: avete mai letto su televideo notizie che successivamente sono state corrette o addirittura smentite? La procedura purtroppo è la stessa! Si cerca di fornire una comunicazione tempestiva a scapito della precisione. Tutto qui, eviterei quindi di fare elucubrazioni mentali che risultano fuorvianti al pari delle informazioni affrettate.

commento inviato il 06-01-2011 alle 09:43 da manfriboy

Spero che tu figlio rientri presto e poi “legalo” se non capisce. Sarebbe ora che padri e madri ritornino a fare il ruolo che gli compete….

Frasi che hanno dell incredibile!!!

rispetto l apprensione di un genitore ma qui stiamo parlando di uomini e non di bambini, uomini che hanno preso la decisione di arruolarsi in piena coscienza e spero autonomia, che sapevano a che cosa avrebbero potuto andare incontro fin dal primo giorno ( a meno che anche l esercito sia diventato uno stipendificio ). Se poi come genitore non ha sostenuto fino ad ora il ruolo che le competeva questo é un problema che riguarda solo lei e non certo il comandante di compagnia dove suo figlio svolge servizio.

Perché mi permetto di scrivere questo? Perche sono stato militare anch io e perche ho dei figli, ai quali cerco di insegnare qualcosa tutti i giorni, e quando saranno adulti prenderanno le loro decisioni in piena …

0